sabato 30 luglio 2005

Chi siamo?

E' venuto Riju, il figlio di mio cugino. Riju è uno studente di dottorato in informatica in Colonia (Germania). Quando li chiedo del suo studio, lui mi parla di algoritmi matematici, biomeccanica e cose varie che mi passano sopra la testa ma non voglio farglielo vedere, annuisco con la testa come ho capito tutto.

Giovedì l'ho accompagnato a Venezia. Faceva così tanto caldo. Siamo usciti dalla via principale che va dalla stazione ferroviaria fino a piazza San Marco. Voglio farti vedere la Venezia che i turisti non vedono, gli ho detto e ci siamo addentrati dentro i calli lungo i canali. Più di una volta, abbiamo dovuto fare il dietro front, perché la calle finiva al bordo di un'altro canale. Era bellissimo. Signore che si siedono fuori casa forse perché dentro fa troppo caldo. Ragazzi seduti sul ponte con i piedi sopra l'acqua. Tanti gatti ma anche qualche cane.



Così siamo arrivati al cortile del nuovo ghetto, dove c'è una fontanella. Qui possiamo lavarci e rinfrescarci, ho detto e siamo corsi verso la fontanella. Eravamo li, Riju si bagnava la faccia sotto l'acqua mentre io guardavo intorno che sono apparsi i due polizziotti che ci guardavano. Forse perché Riju portava il "kurta" vestito tradizionale indiano e magari hanno pensato che poteva essere un terrorista musulmano che voleva attacare la sinagoga di quella piazza. Comunque, nessuno ha detto ha niente e ci siamo allontanati in fretta, faccendo finta di niente.

Ho letto un articolo di un giornalista indiano che vive a Londra. Lui dice che questo è un brutto momento per essere un pakistano a Londra e che quando va in giro deve subito chiarire che lui è un indiano e un'indù. Devo andare a Londra fra qualche settimana e questo discorso mi fa paura. Come si può affrontare un mondo che non conosce le diverse culture e religioni di altri paesi ? Mi vergogno perché penso solo a me stesso e penso a come distinguirmi dai musulmani del Pakistan o del Bangladesh. Voglio giustificare che vi sia discriminazione contro i pakistani o i bangladeshi, perché 5 di loro o 10 di loro hanno fatto esplodere le bombe? Devo pensare soltanto a salvarmi la pelle e non mi interessa se altri sono trattati come dei criminali ?

La ragione mi dice che è sbagliato pensare così. Demonizzare un'intera popolazione è sbagliato. E in ogni caso, non si può andare in giro con cartelli per dire che io non sono questo o quello. Paura è cieca e colpirà tutti quelli che "sembrano". In America dopo l'11 settembre, avevano ucciso un sikh perché "somigliava a Bin Laden".

Ma la ragione e le emozioni non sempre coincidono.

Ero fuori nel parco ieri sera con il cane quando vidi i 5 uomini. Conosco vagamente uno di loro, forse si chiama Rahman ed è del Bangladesh. Abbiamo parlato 1-2 volte nel parco. Tutti portavano vestiti tradizionali bianchi e qualcuno di loro aveva un rosario in mano. Venerdì è il giorno sacro dei musulmani e forse si erano uniti per una preghiera e ora tornavano a casa. Mi ha fatto un po' di paura questo loro apparente fervore religioso. Mi sono girato dall'altra parte per non guardarli.

Mi fa paura la mia paura. E anche vergogna.

martedì 26 luglio 2005

Ritorno dall'Ecuador

Sono tornato dall'Ecuador. E' stato un viaggio lungo. Prima Quito, poi Riobamba, Cuenca e alla fine Guayaquil.

Non mi è piaciuta la parte vecchia di Quito. E' l'esempio della classica urbanizzazione selvaggia con cemento senza fine e strade ingozzate di traffico impazzito. Invece la vecchia Quito con le sue case coloniali è più bella. A circa 2.800 metri e con le strade che delle volte sembrano quasi verticali, bisogna avere il fiato per girare Quito a piedi.
Un mercato nella parte vecchia di Quito e la basilica

Durante il viaggio da Quito a Riobamba, mi hanno rubato la macchina fotografica. Quando l'ho scoperto, sono rimasto malissimo e la mancanza della macchina fotografica ha influenzato il mio modo di relazionarmi con il paesaggio e gli altri. (Nella foto, i piccoli restorantini vicino al terminale delle corriere di Quito)
Delle volte quando vedo le persone con i cellulari sempre attaccati alle orecchie, penso che si tratti di una dipendenza. In un certo senso, penso che la macchina fotografica era la stessa cosa per me. Non tutte le macchine fotografiche che ho avuto, ma soltanto quelle ultime, ciò è, quelle digitali, le quali mi hanno permesso di scattare anche centinaia di foto in una mattina.
Le memorie sono le stesse quando non sono accompagnate dalle foto? Non lo so, ma ogni volta che vedevo un paesaggio mozzafiato o una situazione interessante, pensavo alla macchina fotografica che non c'era. Quando sono arrivato a Cuenca, un mio amico mi ha prestato la sua macchina fotografica digitale perché ne aveva due, così almeno per qualche altro giorno, ho potuto soddisfare la mia dipendenza!
Naturalmente, una delle prima cose che ho fatto appena rientrato a casa, era quello di ordinare una nuova macchina fotografica!
Oggi arriverà Riju dalla Germania per alcuni gironi di ferie. Riju, figlio di un mio cugino, è studente di dottorato in un'area legata alla matematica e informatica a Colonia.

Nella foto alcuni partecipanti alla seconda assemblea dei popoli per la salute a Cuenca.

venerdì 8 luglio 2005

Le bombe a Londra

Nella foto, l'uscita laterale della stazione di Liverpol street il 5 luglio sera, dove quella sera si doveva tenere un concerto.

E' tanto che a Londra si parlava di rischio bombe. Da diversi anni, vi sono annunci continui sia nelle stazioni di metro che negli aeroporti di non lasciare il bagaglio incustodito. L'avevamo sperimentato circa un anno fa quando ero a Londra con Giovanni e ad una stazione di metro avevamo sbagliato il binario. Quando ne siamo accorti, siamo andati al altro binario, ma Giovanni aveva dimenticato la sua borsa sul priko binario. E' stata una questione di 5 minuti, ma quando siamo arrivati, c'era già un agente di polizia che guardava con sospetto la borsa.

In fatti, Londra sembra piena di controlli. Entri in autobus e devi far vedere il tuo biglietto al conducente. Negli autobus, vi sono frequenti controlli dei controllori. Per salire sul metro, per accedere ai binari, vi sono barriere e devi passare il tuo biglietto per entrare, vi sono altre barriere per uscire e alla fine vi sono controllori anche sui metro. Se sei abituato in Italia che devi comprare il tuo biglietto e devi timbrarlo da solo o puoi entrare in una stazione ferroviara e salire su un treno senza che qualcuno ti chiede se hai un biglietto, tutti questi controlli sembrano eccessivi.

Comunque, ne anche questi controlli sono riusciti a fermare la mano dei terroristi. Per fortuna, ero rientrato 24 ore prima da Londra anche se avevo fatto proprio quel tragitto scelto dai terroristi per piazzare le bombe - Edgeware road, King's cross e Liverpool street. Guardare le immagini delle persone che camminavano dentro i tunnel pieni di fumo era la cosa più terribile per me. Penso che tutte le volte che salirò nella metropolitana di Londra, avrò un po' di paura anche se non vi sono molte altre scelte se uno vuole andare da qualche parte a Londra.

giovedì 7 luglio 2005

Bangladesh a Londra

Londra era piovosa e fredda. Non sembrava di essere in luglio ma in autunno. Questa volta dopo la riunione, sono andato a cercare una nuova zona da vedere - la famosa Brick Lane, della parlano tutti i libri turistici di Londra. La chiamano "piccola Bangladesh" nel cuore di Londra. Si tratta di una di quelle zone dove i poveri emigrati si trovano tutti insieme. La differenza è che la valorizzazione nei libri turistici ha cambiato completamente come la gente guarda la questione. In fatti, tutti i restoranti sono stati rinnovati e c'è meno degrado di quanto si aspetterebbe da simili zone. Invece giroano turisti come me con le macchine fotografiche per scattare foto e cercare restoranti e negozi tipici.

Tornare a Bologna, mi consola che abbiamo ancora l'estate anche se le temperature si sono abbassate e non fa più quel caldo opprimente della settimana scorsa. Alla sera sono andato a ascoltare Antonella Ruggeiro al centro Lame. Mi piace molto e ieri sera era bravissima con tante canzoni latino americane.


Brick Lane, Londra
Antonella Ruggeiro al centro Lame ieri sera

sabato 2 luglio 2005

Sindrome del chiodo piegato

E' l'articolo in Venerdì, il supplemento di Repubblica che ha fatto scoppiare la storia.

E' Treviso, la capitale italiana delle persone affette dal sindrome della frattura del pene, detta anche il sindrome del chiodo piegato. E ora tutti ne parlano nelle forum di discussione. Sicuramente in un prossmo film vi sarà la battuta sulla malattia. Colpisce maggiormente gli uomini tra i 40 e i 60 anni, sopratutto quelli che prendono viagra e succede di più, quando le sfortunate vittime si trovano fuori casa, magari in un albergo, con un'amante.

Non succede a casa con le moglie perché a casa gli uomini tendono ad essere più tradizionalisti. E' fuori che gli uomini vogliono fare bella figura e tentono le posizioni impossibili di Kamasutra, spiega il medico che ha più esperienza in questo settore.

Fa sorridere la storia ma a pensarci bene, se ti succede, non puoi ne anche lamentarti dei dolori o per la fatica di portare il gesso con il caldo che fa. Come fai a raccontarlo agli altri se non vuoi essere trattato da una barzelletta?

Penso che delle volte inventono queste storie per dare un nuovo argomento di stuzzicante discussione a quanti si trovano al mare per le vacanze. Comunque ci vuole grande fantasia per inventare una cosa del genere. Per un po' molti ne parleranno, ma poi arriverà un'altra storia piccante per stimolare la fantasia.


Questa foto è dal film, "Shame is not mine" (Vergona non è mia) di Arun Chadha

Forse vuoi leggere anche ..

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...