martedì 29 aprile 2008

Jaya Murthy e le Ricette Vegetariane

In gennaio 2008, ero a Torino all'evento letterario organizzato dal Premio Grinzane Cavour. Durante questa permanenza, ho avuto l'opportunità di conoscere Jaya Murthy, la quale ha scritto un libro sulle ricette indiane e ha tradotto un libro dalla lingua indiana kannada in italiano. Ecco alcuni estratti da una sua intervista nelle parole di Jaya Murthy:

Siamo vegetariani puri e quando ne parlo di questo con gli amici italiani, loro non capiscono e ci chiedano spesso, “Ma come fate, mangiate soltanto lattuga?” Così mi è venuta l’idea di scrivere un libro (Le ricette della tradizione vegetariana indù, Jaya Murthi e Angela Fiorentini, ETS, 2003) per gli italiani, per spiegare le nostre tradizioni, come si mangia sulle foglie di banana, come si servono gli ospiti, e ho spiegato le ricette tradizionali.




Attraverso le ricette abbiamo spiegato perché gli ingredienti sono sacri, perché il cibo è considerato sacro nell’induismo. Poi, abbiamo spiegato le feste, le divinità, ecc. Il libro è stato scritto insieme alla mia amica Angela Fiorentini, la quale ha fatto studi su Mahatma Gandhi, è stata a Banaras (Varanasi)ha fatto tesi di laurea sulla donna indiana e dottorato su Istituzioni di Mahathma Gandhi. E’ una persona che ama l’India e anche lei è vegetariana. Nel libro lei spiega anche la sua scelta di diventare vegetariana e ha scritto prima parte del libro intitolato “La cucina del subcontinente indiano”.

Fortunatamente questo libro ha avuto grande successo e ora si prepara la sua seconda edizione. In questa nuova edizione abbiamo aggiunto due nuovi capitoli. Uno dei nuovi capitoli riguarda il significato della scelta di essere vegetariani per i bambini. Qui danno le scatole di carne ai bambini piccoli e penso che è importante spiegare che i bambini vegetariani possono crescere sani. Per questo capitolo ho coinvolto una pediatra di Bangalore perché non ho la formazione medica e volevo essere precisa e corretta. L’altro capitolo nuovo è sulle merendine vegetariane. Questa seconda edizione del libro probabilmente uscirà entro Dicembre 2008.

E’ uscito recentemente il libro “Le nuvole non hanno fretta” di Gayathri Murthy, che ho tradotto dal kannada in italiano, con l’aiuto di Angela Fiorentini. Questo un altro piccolo contributo per far conoscere l’India in Italia. Ho pensato che fosse importante promuovere la conoscenza della letteratura in lingua kannada in Italia. Qui le persone hanno già letto qualcosa di scrittori che scrivono in Hindi, Malayalam e Tamil, ma non conoscono le letterature delle altre lingue indiane.




Gayathri è mia cugina ed è una grande scrittrice in kannada. Aveva scritto un bel romanzo Hambla (desiderio) con un tema molto toccante, quello di una giovane donna che resta vedova e come lei affronta la società. Ha un figlio quando diventa vedova e il libro racconta i desideri dei protagonisti e il suo secondo matrimonio nel tentativo di ridare amore paterno al figlio. La protagonista Malathi riuscirà nella sua impresa? Si deve leggere il romanzo per sapere il risultato. Il romanzo presenta un’India che evolve, come le tradizioni specialmente riguarda le donne stanno cambiando in India.


Potete leggere intera intervista di Jaya Murthy sulle pagine di Kalpana.

giovedì 17 aprile 2008

Taare Zameen Par – Stelle Sulla Terra

Ho ricevuto il seguente messaggio qualche giorno fa:
Sono una insegnante di scuola primaria e mi dedico a tempo pieno all'accoglienza degli alunni stranieri e alla ricerca di materiali utili per promuovere il dialogo interculturale.Due mie allieve mi hanno prestato il dvd del film Taare Zameen Par: pur essendo in hindi, lingua a me non nota, penso di aver compreso quasi tutto. Le immagini parlavano da sole. Per me è un ottimo film e mi ha emozionato ed entusiasmato. Quando uscirà in Italia?”


Le ho risposto:
Non le so rispondere quando e se mai uscirà in Italia. Magari se candidata alle Oscar dal governo indiano e riuscisse a vincerlo, può darsi che qualche casa di distribuzione italiana lo farà uscire in Italia, ma ho dubbi che ciò accadrà. Purtroppo i meccanismi della distribuzione dei film rendono difficile uscita di film stranieri in Italia.”
Anche se parlo spesso dei film indiani, non ho idea di cosa si può fare per migliorare l’accesso a questi film in Italia e se possiamo fare qualcosa affinché questi film siano doppiati in Italiano?

***
Con il film Taare Zameen Par (letteralmente “stelle sulla terra”), l’attore Aamir Khan è diventato un regista. Aamir è già conosciuto in Italia per il film Lagaan (C’era una volta in India).


Taare Zameen Par (TRZ) è la storia di un bambino dislessico. Il bambino si chiama Ishaan Awasthi (Darsheel Safary), il quale non riesce a studiare, riceve brutti voti a scuola e non è molto coordinato. E’ un bravo pittore pieno di gioia di vivere ma viene continuamente preso in giro dai maestri e da altri ragazzi. A casa il suo padre (Vipin Sharma) ossessionato dalla carriera e dal successo, è orgoglioso del primogenito Yohan (Sachet Engineer), il quale prende buoni voti ed è un bravo atleta. La madre di Ishaan (Tisca Chopra) lo vuole bene ma non sa cosa fare con il bambino.


Esasperato da continue lamentele dei vicini e degli insegnanti, il padre decide di mandare Ishaan al collegio, con l’idea che Ishaan ha bisogno di un po’ di disciplina. Ishaan non vuole andare via da casa ma non può fare niente. In collegio, la disciplina non manca e gli insegnanti pensano che Ishaan sia un bambino con scarsa intelligenza e ancora meno voglia di studiare. Ishaan si isola da altri bambini e si chiude in se stesso.


L’insegnante di arte del collegio è ammalato e arriva un nuovo insegnante, Ram Shanker Nikumbh (Aamir Khan) in sostituzione. Ram Shanker insegna anche in una scuola per i bambini disabili. Lui si accorge della profonda infelicità di Ishaan e che il bambino rischia di cadere in un baratro dalla quale farà fatica a uscire vivo.
Ram Shanker capisce che Ishaan è dislessico. Lui visita la famiglia di Ishaan per parlare con loro e parla di dislessia nella classe. Parla di tante persone famose, ma dislessiche, le quali sono riuscite nella vita. Confessa che anche lui da bambino era dislessico. Poco alla volta la vita di Ishaan cambia e lui riscopre i colori e la gioia di vivere.
Il film è molto semplice e lineare. La mia scena preferita è quella dove il padre che si sente un po’ il senso di colpa e vuole giustificarsi all’insegnante, arriva alla scuola e racconta che ha letto sulla dislessia, che ha fatto ricerche sul Google per capire che cosa è e come influisce sui bambini. L’insegnante, Ram Shanker, gli risponde che bambini non hanno bisogno di genitori che diventano esperti, hanno bisogno di genitori che li vogliono bene, li abbracciano, li incoraggiano, li sostengono, e chiede, “hai mai detto a Ishaan che gli vuoi bene?”
Mi è piaciuto il film anche perché mi ha fatto pensare ad alcune persone, i miei insegnanti, che sono stati così importanti per me in certi momenti della vita.


Nota: Poete vedere questo film con i sottotitoli italiani al sito di Maestro Roberto

mercoledì 16 aprile 2008

Festa multiculturale a Roma, 20 aprile 2008

Ecco un messaggio di Valentina Manduchi riguardo questa festa che avrà una danza di Bollywood:

Il festvial internazionale organizzato dal Patronato per gli stranieri a Roma, si terrà il giorno 20 Aprile dalle ore 15:30 in poi Collegio San Paolo, sito in via Torre Rossa 40, Roma, Metro Cornelia.
Ci saranno danze e canti dei vari paesi, dall'India al Bangladesh, dal Perù al Camerun, all'Egitto.Io e la mia amica punjabi Veejay ("Apsaras dance gruop") parteciepremo con una danza Bollywood (Aaja Nachle di Madhuri Dixit). L'evento è gratuito! Sarà molto bello e spero che il nostro gruppo possa inziare a farsi conoscere, come simbolo di un dialogo interculturale di cui in Italia si sente il bisogno.

venerdì 11 aprile 2008

Danza Indiana Kathakali

Domenica 13 aprile 2008, nell'ambito dell'Human Rights Nights, il festival di cinema sui diritti umani, vi sarà un pomeriggio dedicato ai film, alla musica e alla cultura del sud asia. Il programma prevede anche lo spettacolo di danza Kathakali intitolato "Hanuman". Questa danza sarà presentata da Mario Barzaghi del Teatro dell'Albero.

Anche vestirsi e truccarsi per la danza Kathakali è uno spettacolo molto suggestivo. Potete assistere alla preparazione della danza presso Sesto Senso, Via Petroni 9, Bologna dalle 15,30 in poi. La danza invece sarà presentata in Vicolo Bolognetti 2, la sede del quartiere San Vitale più tardi.




Per gustare e capire questa danza, ecco alcune informazioni fornite da Mario Barzaghi:

Kathakali significa letteralmente: "raccontare storie", ed il frammento che vedrete è tratto dal "Kalyana Saugandikam: la ricerca del fiore meraviglioso". Uno spettacolo di Kathakali dura un'intera notte, inizia al calare del sole e termina all'alba. La storia da cui è stato tratto il frammento dura circa quattro ore.

In India esistono diversi teatri-danza classici, il Kathakali è fra questi, uno dei più importanti e conosciuti. Reso famoso, stimato e rispettato in occidente, soprattutto per il rigore e la precisione del suo allenamento, il
Kathakali è una grande macchina teatrale che attraverso uno studio pratico, (dai sei agli otto anni), mette in-forma gli attori-danzatori.


La forma classica attuale risale al 16° secolo, periodo nel quale i Maharaja diedero un grande impulso a quest'arte sacra. Il Kathakali, teatro epico per eccellenza, mette in scena l'epopea indiana, le storie sono tratte dal Mahabaratha e dal Ramayana. Nel kathakali non esiste nessuna separazione fra teatro e danza, il corpo dell'attore è impegnato su vari livelli, i piedi: danzano la storia, le mani: traducono il testo poetico attraverso un alfabeto molto elaborato basato su 24 segni o Mudra , il volto: attraverso 9 espressioni di base ed un grande controllo dei muscoli facciali, permette di seguire lo svolgimento drammaturgico della storia.

Mario Barzaghi con il Teatro dell'Albero ha iniziato un percorso che oscilla tra la filologia della tradizione e l'apertura di un dialogo, la creazione di un ponte verso l'occidente. Ha iniziato a praticare il Kathakali nel 1981, è allievo del Maestro Kalamandalam K.M. John. Dicevamo che Kathakali significa raccontare storie, allora spieghiamo di quale storia si tratti.

Hanuman,il Re delle scimmie,(figlio del vento e figlio di una regina scimmia), si trova nella foresta in profonda meditazione. All'improvviso qualcosa lo disturba, controlla a sinistra, a destra, pensa: "Che succede, per quale motivo la mia mente vacilla?". Hanuman decide, seguendo i dettami dello yoga, di eseguire un linfodrenaggio per pulire i vasi linfatici ed avere così una meditazione più profonda. Quello che prima era un piccolo disturbo si trasforma in una esplosione: "Cos'è questa esplosione che rompe i timpani delle mie orecchie?"

Segue una coreografia quadrata attorno allo sgabello, che sta ad indicare un cambiamento di spazio e di tempo, o a rendere visibile il pensiero del personaggio. "Cos'è questo fragore? Sono forse le montagne che si stanno scontrando?".

"No! Non è possibile. Molto tempo fa, Indra, con la sua spada di diamante, tagliò le ali alle montagne". Dovete sapere che, molto tempo fa, le montagne avevano le ali: un giorno, Indra ,(il capo degli DEI), stanco del traffico celeste, decise di porre fine a tutti gli incidenti tagliando le ali alle montagne e fissandole definitivamente al suolo. Hanuman ci mostra, diventando Indra, quello che è successo moltissimi anni fa: coreografia quadrata, punto di vista, taglio delle ali: "fine del traffico celeste". "Se così lui ha fatto, il fragore che sento non può essere quello delle montagne". Coreografia quadrata, si dirige verso la fonte sonora: "Laggiù, un uomo enorme con la clava gli alberi.". Hanuman, ci mostra quello che vede: una sorta di Ercole indiano che entrando nella foresta sradica ed abbatte gli alberi. "Si avvicina, lui chi è? Voglio conoscerlo".

Fine della parte introduttiva dove la musica è solo percussiva, il testo poetico introdotto , viene cantato dal 1° e dal 2° cantante e tradotto simultaneamente dall'attore. Nella prima strofa Hanuman descrive l'arroganza del personaggio che si sta inoltrando nella foresta sconvolta dalla sua violenza. Seconda strofa:" persino i leoni si sono rifugiati nelle loro tane e, nervosamente, stanno nascosti".

Segue una danza pura estremamente complicata dai cambiamenti ritmici, dove l'attrazione verso il personaggio ed una inspiegabile felicità danno il sapore alla danza stessa. "Perché, per quale motivo mi sento, da lui attratto?". Hanuman mette a fuoco, cerca di capire di chi si tratta: "Ah! È Bhima, mio fratello minore, adesso metterò a dura prova la sua forza e gli insegnerò la verità".

Hanuman e Bhima sono fratellastri, figli del vento ma non della stessa madre. Bhima è uno dei 5 fratelli Pandhavas che alla fine del Mahabharata si scontreranno con i Kauravas, facendo trionfare il bene sul male. I due fratellastri non si sono mai incontrati, questo è il loro primo incontro, utilizzando i suoi poteri Hanuman si trasformerà , salendo sullo sgabello, in una vecchia e puzzolente scimmia che ostacolerà il cammino a Bhima.

Hanuman approfitterà di questo incidente per impartire una lezione morale al fratello minore: "per superare gli ostacoli della vita, devi usare la forza della mente e non la violenza".

domenica 6 aprile 2008

Salam Namaste Mela a Bologna

Il festival del cienma sui diritti umani organizzato dalla Cineteca di Bologna organizzerà una festa della musica e cultura dei paesi del sud asia - India, Bangladesh, Sri Lanka, presso il Vicolo Bolognetti 2, nel centro di Bologna, nei pressi di Piazza Aldrovandi, la prossima domenica, 13 aprile 2008 con il seguente programma:

HUMAN RIGHTS NIGHTS

presenta

SALAM NAMASTE MELA
Domenica 13 Aprile 2008


Ore 16.00 / 19.30 Vicolo Bolognetti

· HASDA NACHDA PUNJAB / Bangra Drumming
· UNGA / Musica tradizionale Sri Lanka / Bollywood
· HANUMAN: IL RE DELLE SCIMMIE / Katakhali Dance
· ASCBMBI / Musica del Bangladesh

Al Sesto Senso: Cinema Sud Asiatico, vestizione e trucco Katakhali


Ore 20.00 Vicolo Bolognetti

Punjabi Sound System: DJ Happy
Cena Indiana con Taj Mahal, India e Baba Masala



Forse vuoi leggere anche ..

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...