domenica 18 maggio 2008

Nuovo libro di Amtav Ghosh

La rivista indiana Outlook ha pubblicato un lungo estratto del nuovo libro di Amitav Ghosh, "The Sea of Poppies" (Il mare dei pappaveri) che uscirà prossimamente.

Mi piace molto Amitav Ghosh, penso che sia tra i più importanti scrittori di oggi. Il suo ultimo libro, "Il Paese delle Maree" era bello non solo per la trama e ma anche per la sua ambientazione in una terra poco conosciuta tra le isole nel delta del fiume Gange e la baia del Bengala e per le descrizioni dei delfini che vivono in quella zona, tutti elementi mescolati in maniera sapiente che informa, provoca e diverte allo stesso momento.



Il suo nuovo libro è la prima parte di una nuova trilogia ed è ambientato nell'India del 18° secolo nei campi di pappaveri nel nord dell'India e tocca il viaggio di alcune persone dall'India verso le isole Mauritius. Come tutti i suoi lavori, questo libro ha richiesto lunghe accurate ricerche.



Deepti, la moglie di Hukum Singh un uomo drogato di oppio e madre di una bambina Kabutri e Raja Neel Rattana, un nobile senza soldi, sono alcuni dei personaggi di questo nuovo libro di Amitav Ghosh, presentati nel estratto uscito su Outlook. L'estratto mi è piacuto molto e non vedo l'ora che esce questo libro anche in Italia.

martedì 13 maggio 2008

L’Oroscopo della settimana

Una volta credevo agli oroscopi. Credevo ai calcoli che si usano per misurare gli angoli tra i punti della terra e i vari pianeti, per indovinare il futuro.

C’era un quotidiano indiano che aveva gli oroscopi di Bejan Daruwala e ero convinto che le sue predizioni sul mio futuro erano le più azzeccate. Aspettavo con ansia il mio oroscopo annuale legato alla data del mio compleanno, perché pensavo che quello era proprio specifico per me. Quando sono venuto in Italia, ogni anno telefonavo mia sorella in India per sapere cosa aveva detto Bejan Daruwala per il mio oroscopo annuale.

Non so dire quando questa mia credenza si è tramutata in qualcosa di meno convinto. E’ sempre bello leggere il mio oroscopo ma non ci credo veramente e dopo pochi minuti non me lo ricordo né anche.

Poi una volta ho letto la confessione del capo redazionale del quotidiano indiano, il quale aveva ammesso che non avevano più la persona che scriveva gli oroscopi e avevano deciso di riciclare i vecchi oroscopi scritti un anno prima, e sono andati avanti così per un anno senza che qualcuno si accorgesse della truffa!

Penso che per ogni segno dello zodiaco, vi saranno 40 - 50 milioni di persone nel mondo. Per ogni giorno del mese, vi sono 1 - 1,5 milioni di persone nel mondo. Pensare che tutte queste persone condivideranno più o meno la stessa sorte, mi sembra un po’ improbabile.

Penso anche che il mondo è pieno di infiniti astri. Le intere galassie che si muovano ad una velocità che non riesco a concepire. Al interno delle galassie, interi sistemi di pianeti che si ruotano intorno ad altre stelle. Che queste influiscono sulle nostre giornate, sui nostri umori e sui nostri amori, mi sembra altrettanto improbabile.

Comunque, come passatempo leggere gli oroscopi è bello. Spesso ti ricordano le cose che dovresti sapere comunque – non essere precipitosi; riposate e passate un po’ di tempo con la persona amata; e così via. Forse sono come la tazza del caffé, non contribuiscono al tuo nutrimento ma ti danno un pizzico di piacere.

Poi, tra tutti gli oroscopi banali e sempre uguali, può essere nascosto qualche bravo scrittore. Come l’oroscopo di Rob Brezsny. Ogni giovedì il suo oroscopo si legge da New York a Singapore, e da Caracas a Hong Kong. In Italia è pubblicato su l’Internazionale. Per esempio, questa settimana, il suo oroscopo per i Gemelli dice:

Secondo un recente sondaggio, una persona su dieci dice che internet la fa sentire più vicina a Dio. Prevedo che nei prossimi gironi anche tu farai parte di questo gruppo di persone, Gemelli. Ma non è su internet che entrerai in comunione con il divino Wow. Ti basterà lavare i piatti, imburrare un toast, lavarti i denti o fare un giro in strada. Anche lanciare sassi immaginari contro il cielo, pulirti il naso sulla manica o fingere di essere una rockstar ti permetterà di allinearti in modo più fluido con la Prima radice. E se sei ateo? Puoi anche ignorare le prove della presenza divina che ti circondano, ma scommetto che avrai comunque la profonda sensazione che la vita è ricca di significato.


Alla fine non ho capito bene se avrà una settimana buona per il lavoro. Guadagnerò bene o no. Mi sentirò in forma o no. Ma chi se ne frega? E’ bello e ti fa pensare, vero?

Forse vuoi leggere anche ..

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...