domenica 21 agosto 2005

Indiana Jones in Bolivia

Era il 1991 e eravamo in Boliva, io e Piergiorgio Trevisan. P. Filippo Clementi era ad aspettarci all'aeroporto di La Paz al nostro arrivo. Quel viaggio mi aveva fatto sentire come Indiana Jones.

Avevamo viaggiato in un piccolo aereo in un villaggio vicino a Trinidad. Quella notte avevamo dormito in una casa senza luce e senza porte o finistre, giravano galline e maiali tra i letti, e vi erano anche le formiche rosse. Nonostante tutto ciò, Piergiorgio aveva dovuto fischiare per farmi smettere di russare! Quando era il momento di lasciare quel villaggio, pioveva forte e nel campo correvano le pecore e i cani. Un piccolo ragazzo, bagnato fradicio era venuto per incassare "la tassa aeroportuale". L'aereo che dovevamo prendere era ancora più piccolo e aveva solo due posti - uno per il pilota e l'altro per Piergiorgio. Ho trovato uno sgabello e mi sono aggrappato alla sedia di Piergiorgio. Alla prima prova, l'aereo non è riuscito ad alzarsi, il pilota ha frenato all'ultimo minuto e ci siamo fermati pericolosamente vicino ad un gruppo di alberi. Sono caduto giù dallo sgabello e pilota ha virato per ritentare. Avevo nausea dalla paura.

Un'altra volta p. Filippo ci ha portato in una barca sul fiume Madeira. Il viaggio di andata è andato bene ma al ritorno, la luce ha avuto un guasto e abbiamo viaggiato al buio, su un fiume dove galleggiavano grossi tronchi degli alberi e coccodrilli. P. Filippo disse che nell'acqua c'erano i pesci piranha. Fu uno dei viaggi più lunghi che avevo mai fatto.

Il piccolo biplano e la pioggia

P. Filippo è già nella barca sul fiume Madeira
Viaggi avventurosi possono essere spiacevoli fin che durano ma una volta finiti, sono tra i ricordi più belli.
Oggi ho letto una bella poesia in un blog in hindi. La poesia si intitola, "Hanno Paura" ed è di Gorakh Pandey:
Hanno paura
di cosa hanno paura
nonostante tutte le richezze
le pistole, le pallottole ed i poliziotti che li
proteggono?
Hanno paura
che un giorno
le persone povere e senza armi
non avranno più la loro paura.
Anita ha scritto che le hanno trovato un tumore maligno. E' in ospedale. Forse l'hanno già operato. Eravamo insieme in Ecuador, tre settimane fa. Ho paura.

1 commento:

  1. मैं महसूस कर रहा हूं कि अनुवाद में कविता की आत्मा जिंदा है।आपको धन्यवाद तथा बधाई।

    RispondiElimina

Grazie per aver visitato Awaragi e per il tuo commento.

Forse vuoi leggere anche ..

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...