domenica 30 gennaio 2011

Suocere e Nuore

Da ragazzo a Delhi, pensavo che tutti i problemi legati ai rapporti tra le suocere e nuore, era qualcosa di specifico che riguardava solo l'India. Era uno dei temi più popolari nei racconti e nelle lettere delle lettrici che apparivano nelle riviste in Hindi indirizzate alle donne come Sarita, Manorama, Mayapuri, ecc. Oltre agli articoli sulla moda, sulla cucina, sulla pulizia della casa e su come prendere cura dei bambini, i problemi tra le nuore e le suocere, non potevano mancare da queste riviste.

Quando arrivavano a casa i parenti dalle città lontane per qualche matrimonio, le storie sulle suocere crudeli che facevano morire le povere nuore di stenti e di fame, e sulle nuore crudeli che stregavano i poveri ragazzi facendoli allontanare dalle famiglie, erano una parte importante delle chiacchiere pomeridiane.

Era una piccola sorpresa venire in Italia e scoprire che anche qui le storie sulle suocere e sulle nuore non mancavano, anche se non con quella intensità che si sente in India. Non solo in Italia, negli ultimi decadi, ho sentito infinite variazioni di queste storie, in più o meno tutti i paesi dove sono stato. Ci sono anche le storie dei suoceri ed i generi, ma non hanno lo stesso livello di melodramma e di intensità emotiva.

Una volta, questo tema era ricorrente nel mondo di Bollywood, ma ciò era prima dell'arrivo dei canali privati della tv. Se il tema delle telenovelas può essere considerato il metro per misurare l'importanza di un problema sociale nella vita delle persone, sicuramente in India, il tema delle suocere e delle nuore, nonostante i cambiamenti sociali e il progresso economico e sociale, continua ad essere fondamentale dato la sua continua e pervasiva presenza nei vari canali televisivi odierni. Una delle telenovelas più popolare degli ultimi anni è stata, "Kyonki Saas Bhi Kabhi Bahu Thi" ciò è, "Perché anche la suocera era stata una nuora".

Ho pensato al tema delle suocere e le nuore, quando ho letto il nuovo libro di Sudha Murty, "Il dollaro e la nuora" (Felici editore, 2010) tradotto in italiano da Jaya Murthy.

Sudha Murty, la scrittrice del libro è un'ingegnere ed è la moglie di Narayan Murty, il capo-fondatore di Infosys, una delle aziende di informatica più importanti del mondo, che ha fatto di Bangalore la silicon valley dell'India. Il libro è stato scritto proprio da questo stesso punto di vista, di una persona medio-borghese che conosce e apprezza le proprie radici tradizionali indiane, ma allo stesso momento, può guardare alla cultura occidentale in maniera equilibrata, riconoscendone i valori positivi e negativi.

Copertina, Il dollaro e la nuora di Sudha Murty, tradotto in italiano da Jaya Murthy

Il libro racconta la storia di Gowramma, una signora di Bangalore, e le due moglie di suoi figli Chandra e Ghirish. Chandra sposato con Jamuna, una ragazza ricca di Bangalore, vive in America mentre, mentre Ghirish sposato con Vinutha, una ragazza orfana e povera di Dharwad, vive con la suocera in India.

La prima parte del libro, centrata sul difficile rapporto tra la buona nuora Vinutha e la suocera Gowramma, accecata dalla ricchezza americana dell'altra nuora, è più vicina agli stereotipi indiani di suocere e nuore, dove tutto sembra suddiviso tra buoni e cattivi, senza molte altre sfumature.

La seconda parte del libro, centrata sulla visita di Gowramma in America e la sua scoperta dei diversi modi di essere indiani che hanno scelto di vivere in occidente, è molto più variegata, con tante diverse sfumature della diversità umana tra gli emigrati. Se per alcuni, America è sinonimo di perdere i contatti con le proprie radici, per altri, significa liberazione da tabù e oppressioni.

Il libro è chiaramente stato scritto per le sensibilità indiane con le sue melodramme e le sue emozioni, che ultimamente hanno trovato un apprezzamento anche in occidente tramite il mondo di Bollywood. In fatti, vi è già stata una telenovela indiana di grande successo basata su questo libro.

La sua traduzione in italiano, nel suo ritmo, nella scelta delle parole e nella costruzione delle frasi, riesce a mantenere l'originalità del testo in lingua indiana (kannada). Ho letto molti libri degli autori indiani tradotti da persone di grandi professionalità e sensibilità, ma non avevo mai avuta una sensazione come questa, quando ho letto questo libro, di leggere le parole in italiano con la cadenza indiana. Sembra che il libro segue in parte le regole della scrittura italiana e in parte le regole della scrittura kannada. In questo senso il libro ha un sapore esotico, che va oltre la trama della storia.

Il libro è anche una fonte autorevole per conoscere le tradizioni indù di Karnataka, raccontate in maniera naturale come parte del trama del libro, non inserite per spiegarle e raccontarle all'occidente come succede spesso con i libri scritti in inglese da autori indiani.

Se vi piacciono i film di Bollywood, non perdete questo libro. Penso che vi darà un po' di quelle stesse emozioni legate ai film masala. Non è grande letteratura, ma è un libro piacevole. Come tutti i film masala di Bollywood, si sa già come andrà finire la storia, ma il viaggio per scoprirlo ha i suoi momenti di sorpresa.

***

7 commenti:

  1. Per una lettrice onnivora di letteratura indiana come me, la tua recensione è importantissima. Purtroppo non mi è possibile leggere testi se non in italiano e in inglese. A Darhamsala ho trovato una bellissima libreria dove ho potuto prendere molti testi, a metà prezzo, in inglese che in italia non sono stati ancora tradotti.
    Sarebbe bello leggere qualcosa in hindi. in realtà la letteratura indiana arriva in italia sempre attraverso gli autori che scrivono in inglese. questo è davvero un peccato. L'unica soluzione è perfezionare il mio hindi. Anche in quel caso sarei limitata perchè gli scrittori usano anche altri idiomi. Troppe lingue? No. una cultura ricca che va scoperta

    RispondiElimina
  2. Ciao Sonia. Sarebbe bello conoscere tutte le lingue del mondo e conoscere le diverse letterature nelle lingue originali!! Per un po' di anni avevo questa illusione di poter imparare tutte le lingue che volevo :-)
    Adesso mi accontento di leggere le traduzioni!

    Mi è piaciuta la traduzione di questo libro, perché è diversa, meno professionale e più artigianale, e se posso dire, autentica, ma non penso che vorrei leggere tutti i libri tradotti così. Non so se mi sono spiegato!

    RispondiElimina
  3. ho capito perfettamente.
    per la letteratura indiana in lingua inglese abbiamo ottime tradizioni ma, in verità, quando leggo gli originali avverto un tono totalmente diverso. è molto raro trovare l'essenza di una lingua diversa anche nella traduzione. sei stato forunato. non ho mai sentito questa casa editrice. e' di facile reperibilità?

    RispondiElimina
  4. Grazie Sunil per la recensione, lo leggerò senz'altro...

    Sonia: ho visto che si trova facilemente su molti siti di vendita di libri, ormai io ordino particamente solo su internet perché le cose che mi interessano spesso non ci sono in libreria!

    Io penso che per quanto riguarda la famiglia India e Italia siano molto simili (anche se è vero che in Italia è meno marcato che in India): i figli mammoni, l'importanza della mamma (che spesso si unisce a certe forme di discriminazione), il vivere il più possibile vicino ai propri genitori, il conflitto fra nuora e suocera...

    RispondiElimina
  5. Silvia, al Sud le mamme sono come le indiane e tante dinamiche si ripresentano identicamente. :) Il figlio maschio viene percepito come usurpato dalla moglie. La madre difficilmente lo accetta. Ovviamente non ovunque...ma nel profondo sud Italia.....

    RispondiElimina
  6. caro Deepak, grazie della tua recensione. Ora sto per iniziare anch'io la lettura del libro e ti saprò dire.
    Quanto alla discussione su suocere, nuori e generi...sì credo che ci siano un po' di punti di contatto fra italia e india! Le suocere sono un'istituzione invadente in tutto il mondo....:-)

    RispondiElimina
  7. Buona lettura Marco. Mia moglie l'aveva iniziato a leggere due giorni fa e l'ha letta tutto di un fiato. Poi, oggi ha convinto la nostra nuora che era un buon libro da leggere. Da questo si può forse capire il motivo del successo della telenovela indiana basata su questo libro!

    RispondiElimina

Grazie per aver visitato Awaragi e per il tuo commento.

Forse vuoi leggere anche ..

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...