venerdì 13 maggio 2005

Nostalgia delle mucche

Povera mucca rossa con le polka dot gialle, come la maga Magò nel film La spada nella roccia. O, quella con i bicchieri e i tubi per la birra alla spina. Sono belle ma mi fanno un po' di pena. L'unica che trovo trattata con rispetto è quella azzurra, stile cielo e mare, seduta tranquillamente. E' quella che avrà l'onore di stare sulla copertina di Kalpana in questi giorni.

Mi fanno pensare alle mucche di Delhi, sedute in mezzo alle strade, placide e indifferenti, mentre il traffico le passa intorno, tutti attenti a non farle del male, ma ammazzandole con i fumi e con i sacchetti di plastica. Preferiranno forse venire a Vienna per stare in questo parco verde smeraldo? Forse no, rischiano di trovarsi sul piatto di qualcuno. Come si fa a scegliere tra il mattatoio e la crudele indifferenza.

Una sera riesco a andare in città. Dalla cattedrale in Stefanplatz cammino fino all'opera dove suona Strauss. Il cielo e nuvoloso e freddo. Tutto intorno, le persone passano. Sembra di essere dentro il centro commerciale Lame. O potrei essere a Hong Kong. Tutto il mondo sempre più uguale. Vetrine, negozi, Macdonalds, Hugo Boss, Versace.

Gli edifici barocchi di Vienna mi mettono a disagio. Come quando si mette troppo zucchero. Mi piace invece la chiesa San Michele con le tombe dei reali. E mi piace la casa dei gesuiti dove sono alloggiato. Nella mansarda al terzo piano. Il sole entra dentro impetuoso dalle piccole finestre già alle 6 di mattina. Accanto, si stanno costruendo un grattacielo. Gli operai sono già al lavoro. Dal letto guardo i gru che passano silenziosi davanti alle finestre.

La muccha fornitrice di birra alla spina

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver visitato Awaragi e per il tuo commento.

Forse vuoi leggere anche ..

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...