domenica 2 ottobre 2005

Intubato

Amo essere "intubato", ciò è viaggiare per il tubo (metro) di Londra. Ultimamente, sembra che il sistema di trasporto pubblico perde colpi, sia per il pericolo bombe che per problemi di manutenzione e personale. Mi fa sempre impressione vedere quante persone leggono mentre fanno un viaggio nella metro. Non i fumetti o giornali, ma veri e propri libri. Anche maschi giovani.
***
Sono uscito dalla stazione di Hammersmith. Pioveva. Non quella pioggerellina inglese che è endemica, ma una pioggia più vicina ai monsoni. Ho esitato per un attimo. Non avevo ombrello e anche se l'albergo non era lontano, sapevo che mi sarei bagnato completamente. Mi sono messo la cartella sulla mia testa e ho iniziato a correre. Mentre attraversavo King's street, una ragazza al ciglio della strada ha detto"Aiutate mi per favore". La guardai mentre correvo. Alta, cappelli neri a riccioli, bella. Tirava un carrello di spesa dietro. Non mi fermai. Le girai intorno e continuai a correre. "Si, andate lontani da me. Non avvicinate me", all'improvviso, la ragazza gridò. Guardai in dietro per un attivo, lei si era seduta per terra e piangeva disperata, "O dio, qualcuno per favore mi aiuti". In torno a lei, sotto la pioggia, la folla londinese le girava intorno e proseguiviva. Continuai a correre finché ero lontano e non sentivo più il suo pianto disperato.

Mentre ero in letto caldo, vidi che la pioggia aveva smesso. Posso andare a vedere se c'è ancora, mi sono detto. No, ormai, non sarà li, qualcuno l'avrà sicuramente aiutato, ho pensato. E tornai nel mio letto.
Un giorno, quando sarò solo e disperato, spero che gli altri non saranno così crudeli e indifferenti con me.

Nella foto Hackney Marshes a Londra dove vi sono 87 campi da calcio, uno accanto all'altro, e dove anche David Beckham aveva giocato.

Mentre scattavo le foto intorno al Buckingham palace, ho visto il poliziotto alzare la mano a puntare il dito verso me. Forse pensava che fossi un terrorista? Il mio primo impulso era di mettere via la macchina fotografica e andare via. Ma sono rimasto li. Il poliziotto è venuto verso di me, davanti a me si è chinato per prendere un pezzo di carta color verde lasciato sulla ringhiera e poi, è tornato dalla guardia reale, gli ha alzato la giacca e messo quel biglietto nella sua tasca. Anche se la guardia non si è mosso, ha fatto un piccolo sorriso. Forse era il biglietto della sua ragazza e il poliziotto faceva solo il cupido?
Queste due foto di Reagent park mi piacciono. Nella prima il canale dentro il centro di Londra, dove giravano le barche e nella seconda, sotto, le anatre a riposo, tutte dormivano.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver visitato Awaragi e per il tuo commento.

Forse vuoi leggere anche ..

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...