giovedì 3 gennaio 2008

Bollywood 2007: I film più significativi

Alla fine dell’anno, forse vale la pena di parlare dei film indiani del Bollywood più significativi del 2007.

Guru del regista Mani Ratnam, uscito nel gennaio 2007 era ispirato dalla vita del famoso industriale Dhirubhai Ambani, scomparso alcuni anni fa. Un elogio alla libera impresa e al capitalismo, il film segue la lotta di Gurubhai (Abhishekh Bacchan) per uscire dalla povertà, la sua amicizia con un giornalista (Mithun Chakraborty) e il suo rapporto con la moglie (Aishwarya Rai) e con la figlia disabile del giornalista (Vidya Balan), durante la sua ascesa come industriale più importante dell’India neo indipendente.



Salaam-e-ishqe (Saluti all’amore) del regista Nikhil Advani, uscito subito dopo era un film collage con diverse storie legate al tema dell’amore, pieno di stelle di Bollywood, a partire da Salman Khan e Priyanka Chopra. Il film fu un grande flop della critica e del pubblico nonostante le performance appassionate di Vidya Balan e John Abraham. Il film segnò anche il ritorno del attore Govinda sul grande schermo, dopo un esilio di alcuni anni.



Febbraio fu segnato da Honeymoon Travels del neo regista, Reema Kagti. Un altro film collage sul tema della luna di miele, questo film con attori meno noti, ha avuto più successo. Il film raccontava le avventure di alcune copie di neo sposati, i quali partono per un viaggio organizzato per la loro luna di miele. Shabana Azmi e Boman Irani come la coppia di mezza età e una danza scatenata di KK erano i punti forti di questo film.



Altri due film importanti di febbraio 2007 erano Nishabd (Senza Parola) di Ram Gopal Varma e Eklavya (Il guardiano reale) di Vidhu Vinod Chopra.

Nishabd con Amitabh Bacchan nel ruolo di un fotoreporter sessantenne e il suo amore incontrollabile per una ragazza giovane (Jia Khan), amica di sua figlia era ispirato da Lolita di Nabokov. Il film non era male, ma fu rifiutato dal pubblico, forse per il suo tema.

Eklavya, storia di un leale guardiano (Amitabh Bacchan) in un palazzo del Rajasthan, dove c’è una lotta di potere tra il principe (Saif Ali Khan) e il fratello del defunto re e il guardiano nasconde un segreto terribile nel suo cuore, era un film sofisticato con ottima fotografia e bravi attori. Anche questo film fu rifiutato dal pubblico.



In aprile 2007 uscì Provoked (Provocata) del regista inglese di origine indiana Jag Mohan Mundra. Il film basato su una storia vera, racconta la storia di una donna del Punjab, Kiranjit (Aishwarya Rai) e il suo matrimonio (Navin Andrews) con un uomo violento. Dopo dieci anni di violenze, una notte Kiran da fuoco al suo marito mentre lui dorme e viene condannata all’ergastolo. Un’associazione di donne asiatiche che opera per la donne vittime di violenze domestiche decide di aiutarla. Il film non era male ma sembrava un documentario, e non trovò il successo del pubblico.

Tara Rum Pum con due delle più importanti stelle di Bollywood, Rani Mukherjee e Saif Ali Khan, era stato prodotto da Yashraj Films. Ambientato in America nel mondo delle corse delle macchine, il film un flop del pubblico e della critca.

Life in a ..Metro del regista Anurag Basu, fu il terzo film collage del 2007, uscito in aprile. Questa volta il filo conduttore del film era la vita nella grande metropoli di Bombay. Il film con bella musica e ottimi attori (Shilpa Shetty, Shiny Ahuja, KK, Sharman Joshi, Minissha Lamba) trovo consensi sia del pubblico che della critica.



Maggio aveva due film interessanti – Shoot Out at Lokhandwala (Sparatoria di Lokhandwala) di Apoorva Lakhia e Cheeni Kum (Poco zucchero) di R. Balki.

Shoot out parlava di una sparatoria in un condominio ed era un film basato su un fatto realmente accaduto a Mumbai qualche anno fa. Crudo e violento il film ha avuto pubblico commerciale.

Invece Cheeni Kum era una storia di amore tra un chef inglese sessantenne di origine indiana (di nuovo, Amitabh Bacchan) e una donna indiana trentaquattrenne venuta a Londra per lavoro. Il tema dell’amore tra un uomo vecchio e una donna più giovane era simile a quello di Nishabd, questo film era più spumeggiante e leggero. Questo film ha ottenuto il consenso della critica e del pubblico.



Jhoom Barabar Jhoom (Ballate, divertite) era il terzo film del regista Shaad Ali, era stato prodotto da Yashraj Films e aveva 4 attori bravi e famosi di Bollywood (Abhishek Bacchan, Preity Zinta, Bobby Deol e Lara Dutta). Il film fu rifiutato da critici e dal pubblico, anche se personalmente mi è piaciuto. Con ottima musica e bravi attori (soprattutto Lara Dutta), il tonfo commerciale di questo film fu un grande shock per Bollywood. Il film racconta la storia di alcuni amori improbabili tra due giovani coppie, una coppia indiano-pakistana e l’altra coppia di un ragazzo sikh timido con una prostituta.

Agosto vide l’uscita di tre film importanti – Cash (Contanti) di Anubhav Sinha, Gandhi My Father (Gandhi, mio padre) di Firoz Abbas Khan e Chak de India (Brava India) del neo regista Shimit Amin.

Cash era un film azione senza senso anche se aveva bella musica e diverse stelle di Bollywood. Il film fu subito dimenticato sia dai critici che dal pubblico.

Gandhi My Father del neo regista Firoz, prodotto dal attore Anil Kapoor era la storia di conflitto tra Mahatma Gandhi (Darshan Zaveri) e suo primogenito Hari Ram (Akshay Khanna), basato sulla biografia di Hari Ram. Il film inizia quando Mahatma Gandi si trovava in sud Africa e il suo figlio maggiore arriva dall’India con la sua moglie Gulab (Bhumika Chawla), e segue il conflitto tra il famoso padre e il figlio che si sente mediocre e che non riesce a misurarsi mai con la grandezza del padre, ne ad uscire dalla sua ombra, mentre l’India cerca l’indipendenza dal regime inglese. Il film, serio e intenso, ha perfette ambientazioni e diversi attori che meritano applausi per le loro performance. Lodato dalla critica, il film fu largamente ignorato dal pubblico.



Chak De India è il film su uno sport quasi dimenticato, l’hockey femminile e aveva l’attore più famoso del cinema di Bollywood, Shahrukh Khan. Oltre al famoso Khan, il film aveva 12 attrici nuove. In questo film, per la prima volta Shahrukh era un personaggio musulmano e non aveva nessun sottofondo romantico. La sceneggiatura del film era quella classica seguita da tutti i film sportivi, una squadra di quelli ignorati e dimenticati, l’allenatore che vuole riscattarsi da un passato da dimenticare e la partita finale che non si sa fino all’ultimo minuto se i nostri eroi riusciranno a vincere. Il film era ispirato da una storia vera, dalla vincita della squadra di hockey femminile ai campionati del commonwealth. Tutti i pronostici concordavano che il film sarebbe stato un grande insuccesso, invece il film diventò uno dei grandi successi del 2007. La canzone del film, Chak de India (Brava India, fa lì vedere) divento quasi l’inno nazionale. Per una volta Shahrukh Khan ha ricevuto complimenti per la bravura come attore e non come stella del Bollywood.



Tra il settembre e l’ottobre 2007, usciranno due film noir, un genere quasi dimenticato nel cinema di Bollywood – Manorama six feet under (Manorama, sei piedi sotto) e Johnny Gaddaar (Johnny il traditore). Panorama con Abhay Deol e Johnny con Neil Mukesh, avevano due performance bravura ma nessuno dei due film trovò il consenso del pubblico.

In ottrobe, vi erano anche due film “grandi” con le grandi stelle di Bollywood: Bhool Bhulaiyya (Il Labirinto) e Laga Chunari Mein Daag (La mia sciarpa si è macchiata).

Bhool Bhulaiyya aveva Shiney Ahuja, Vidya Balan, Paresi Rawal, Amisha Patel, Rajpal Yadav e Akshay Kumar. Il film era la storia di un palazzo con un fantasma. Vidya Balan nel ruolo di una persona nella quale vive lo spirito vendicativo, era credibile e il film, ignorato dalla critica, ottenne il successo commerciale.

Laga Chunari Mein Daag con una lunga lista di grandi stelle di Bollywood (Rani Mukherjee, Abhishekh Bacchan, Jaya Bhaduri, Konkana Sen Sharma, Karan Kapur, Anupam Kher) fu subito deriso dalla critica perché ritenuta poco credibile la sua storia di una ragazza costretta a prostituirsi per aiutare la propria famiglia. Con tutte le opportunità di lavoro e sviluppo nell’India di oggi, pensare che prostituzione sia l’unico modo di trovare lavoro per una ragazza è difficile. Il film giudicato retrogrado fu anche ignorato dal pubblico ed era tra i più clamorosi insuccessi del 2007, anche se le performance delle due attrici, Rani Mukherjee e Konkana Sen Sharma, furono apprezzate.

Alla fine di ottobre, un altro film Jab We Met (Quando ci incontrammo) trovò il grande successo. I due attori del film romantico (Kareena Kapoor e Shahid Kapoor) furono apprezzati e allo stesso momento, la storia e la musica del film hanno trovato grande consenso sia della critica che del pubblico. Il film raccontava la storia di un viaggio di una ragazza sikh spumeggiante che chiacchiera in continuazione e un ragazzo che si trova in guai e pensa di suicidarsi. Si pensa che l’attrice Kareena Kapoor riceverà il premio per la migliore attrice del 2007 per questo film.



A metà novembre, era la volta di due film grandi – Om Shanti Om e Saawariya (Amore).

Om Shanti Om del regista Farah Khan era la storia di reincarnazione, probabilmente “inspirata” da alcuni altri film di Bollywood e aveva Shahrukh Khan, Shreyas Talpade, Arjun Rampal e Deepika Padukone. Nel film Om (Shahrukh) una comparsa nel mondo di Bollywood è innamorata di un’attrice famosa, Shanti (Deepika), ma entrambi sono assassinati. Entrambi rinascono e si vendicano del loro assassino. Era un film masala di Bollywood, senza grandi pretese per la credibilità, piena di danze e musica. Il film fu un grande successo commerciale.



Saawariya (Amore) con due attori nuovi (Ranbir Kapoor e Sonam Kapoor) era del regista Sanjay Leela Bhansali, riconosciuto tra i registi più importanti dell’India di oggi. Basato sul racconto “Notti bianche”di Dostoevsky, ambientato in una città immaginaria, un po’ Venezia, un po’ RK Films a Bombay, un po’ Parigi, il film fu deriso sia dalla pubblica e dalla critica.

Alla fine del 2007, il 21 dicembre è uscito è primo film del regista Aamir Khan, uno degli attori più famosi di Bollywood, conosciuto in Italia per Lagaan: C’era una volta in India. Storia di un ragazzo dislessico e del suo insegnate, il film Taare Zameen Par (Le stelle sulla terra) è stato definito dai critici il migliore film di Bollywood del 2007.


5 commenti:

  1. guardate che questi film secondo me sono bellissimi e pieni di emozioni!e poi io guardo smp film indiani perchè quelli italiani fanno leggermente schifo!

    RispondiElimina
  2. Maria concordo con te:)
    io La maggior parte di questi film li ho visti in lingua originale hindi.. vorrei vederli in italiano qualcuno sa dove posso trovarli?

    RispondiElimina
  3. Sabrina, tramite i gruppi peer immagino che riuscirai a trovare le versioni italiane dei film trasmessi su Rai 1 durante le estate degli ultimi anni, tra i quali - Taare zameen par, Jab we met e Cheeni Kum.

    RispondiElimina
  4. io adoro questi film solo ke le versioni sono molto tagliate.....sono cresciuta con film indiani e tagliarli le canzoni è proprio un peccato...cmq non so se ci sono interi e in italiano se qualcuno sa dirmi qualche sito lo ringrazio....kla....e poi secondo me madhuri dixi è la piu bella donna che io habbia mai visto....guardate raja è stupendo

    RispondiElimina
  5. adoro i film indiani le musiche sono fantastiche ma sfortunatamente le tagliano sono impaziente di vedere i film indiani del 2011

    RispondiElimina

Grazie per aver visitato Awaragi e per il tuo commento.

Forse vuoi leggere anche ..

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...