domenica 5 giugno 2005

Numu e Gulzaar

"Dovunque mi trovo mi sento straniera. In Cina sono moso o americana; in America sono cinese. L'odore del fuoco e del tè al burro di yak mi manca da morire, ma appena torno nel mio villaggio ho subito voglia di andare via. Nulla è come nei miei ricordi, sono arrivate le tv e internet, la gente è cambiata. Forse se fossi rimasta non soffrirei così tanto. Non mi sentirei così sola e vulnerabile. Se potessi tornare in dietro non lascerei il lago Lugu." Dice Numu, la diva cinese, originaria dell'etnia moso, della zona tra lo Yunnan e il Siachen, nel articolo uscito sull'Internazionale di 11/17 marzo 2005.

Ieri c'era il Boss a Bologna. Springsteen. Ha cantato degli invisibili, di guerra, pace e emigrati. Silenzio, ha chiesto. Solo silenzio per ascoltare il silenzio.

Ti dispiace essere dove sei adesso? Torneresti in dietro?

In fondo, in fondo, in fondo, c'è un posto dove c'è sempre silenzio. Penso alle parole di Gulzaar, "Ho visto il profumo di quegli occhi, non toccare con le mani, non ha bisogno di un nome... E' solo una sensazione, sentila con l'anima, non ha bisogno di un nome."

Nella guerra, le avevano ucciso il marito e il figlio (Congo)

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver visitato Awaragi e per il tuo commento.

Forse vuoi leggere anche ..

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...